Archivio > 2010  
 

Il T.Col. Pil. MARCO LANT č il nuovo Comandante del 313° Gr. A.A., alias 'Frecce Tricolori'

Giovedě 11 Febbraio il passaggio di consegne con il Ten. Col. Tammaro, alla presenza del Gen. D.A. Corsini e del Gen.S.A. Bernardis

di Cap. Andrea Soro
da "Circolo della PAN" - Notiziario riservato ai Soci del Circolo della Pattuglia Acrobatica Nazionale anno 12 - n° 19 - 1/06/2010 - pag. 2 # anche in aeronautica.difesa.it [ fonte ]
 
Giovedì 11 Febbraio, si è svolta, presso l’hangar di manutenzione della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) 'Frecce Tricolori', che per l’occasione ha accolto circa 500 persone, la cerimonia di avvicendamento al Comando del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico, tra il Tenente Colonnello Massimo Tammaro, Comandante uscente, ed il Tenente Colonnello Marco Lant, Comandante subentrante.
Alla cerimonia, presieduta dal Comandante delle Forze da Combattimento di Milano, Generale di Divisione Aerea Roberto Corsini, ed alla presenza del Sottocapo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare e decano delle Frecce Tricolori, Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis, hanno partecipato le massime autorità civili e militari della Regione Friuli Venezia Giulia. Tale cerimonia ha segnato un particolare momento della vita del Reparto, nell’anno in cui le Frecce Tricolori festeggeranno il loro 50° anniversario.
Nelle parole del suo discorso di commiato, il Tenente Colonnello Tammaro ha saputo condensare l’emozione di oltre 11 anni trascorsi nelle fila della Pattuglia Acrobatica Nazionale, prima come gregario, poi come Capo formazione ed infine, per oltre tre anni quale Comandante. Tutta la comunità locale si è stretta intorno a lui, che ha saputo rafforzare l’immagine e la presenza delle Frecce Tricolori sul territorio.
Nell’assumere il comando, il Tenente Colonnello Lant, 20° Comandante delle Frecce Tricolori, nell’augurare ancora maggiori fortune al suo predecessore e ringraziare i vertici della Forza Armata che hanno voluto affidargli questo prestigioso incarico, ha voluto sottolineare la grande professionalità degli uomini che si appresta a comandare, e di come essi stessi siano una vera squadra fatta di tante differenti professionalità.
Il Tenente Colonnello Lant è nato a Udine nel 1971. Ha frequentato dal 1990 al 1994 il corso 'Marte IV' presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli (Napoli), al termine del quale ha conseguito il grado di Sottotenente dell’Arma Aeronautica, nel ruolo Naviganti Normale. Ha conseguito il brevetto di pilota di aeroplano su velivolo SF-260 presso il 70° Stormo di Latina nel 1990 e quello di pilota militare su velivolo Northprop T-38 presso la base aerea di Sheppard (Texas - USA) nel 1995. Destinato alla linea caccia, ha frequentato il corso Conversione Operativa sul caccia bombardiere Tornado presso la base aerea di Cottesmore (Regno Unito). Nel 1996, con il grado di Tenente, viene assegnato al 154° Gruppo del 6° Stormo di Ghedi (Brescia), dove consegue le qualifiche operative previste sul velivolo Tornado e successivamente assume il Comando della 395^ Squadriglia. Nel 2000, con il grado di Capitano, viene assegnato al 313° Gruppo Addestramento Acrobatico “Frecce Tricolori”, dove nell’anno 2001 si qualifica Istruttore di Specialità Categoria Acrobazia e nell’anno 2008 si qualifica Istruttore di Specialità Tattiche Operative CBR. Presso il Gruppo ricopre successivamente i seguenti incarichi: Capo Nucleo Operazioni e Capo Sezione Operazioni mentre all’interno della formazione vola come 2° Fanalino (Pony 9), 2° Gregario Sinistro (Pony 7), 1° Gregario Sinistro (Pony 2), Capoformazione (Pony 1), volando in totale oltre 200 manifestazioni aeree in Italia ed all’estero. Ha al suo attivo 3.400 ore di volo su velivoli SF-260, MB-339 nelle versioni A e PAN, su velivolo T-37, su velivolo T-38 e su velivolo Tornado. E’insignito della Medaglia Militare Aeronautica d’Argento di Lunga Navigazione Aerea, della Croce d’Argento per Anzianità di Servizio, della medaglia NATO per le operazioni sulla Ex Yugoslavia, del Distintivo Bellico di Bronzo per le operazioni 'Allied Force' e 'Deliberate Force' per la specialità Caccia, della Medaglia d’Addestramento di I Grado della Repubblica Araba Siriana e di Distintivo Russo d’Argento di Pilota Militare. E’ laureato in Scienze Aeronautiche presso l’Università Federico II di Napoli.

Il saluto del T.Col. Pil. Marco LANT ai soci del Circolo della P.A.N.

da "Circolo della PAN" - Notiziario riservato ai Soci del Circolo della Pattuglia Acrobatica Nazionale anno 12 - n° 19 - 1/06/2010 - pag. 2
Cari amici del Circolo della P.A.N., è con estremo piacere che mi trovo a scrivere nelle vesti di nuovo Comandante delle Frecce Tricolori.
Assumere il comando di questo Gruppo coinvolge infatti con un profondo senso di onore unito alla consapevolezza della responsabilità derivante dal guidare le Frecce Tricolori.
La storia, le tradizioni, il prestigio, la magia di questo Gruppo si respirano qui sin dal primo giorno di assegnazione, è inevitabile non subire il fascino degli eventi e dei personaggi che sono racchiusi negli annali della Pattuglia Acrobatica Nazionale.
Negli anni si comprende come tutto questo sia possibile solo grazie all'assoluta dedizione e integrità degli uomini che fanno parte, ed hanno fatto parte, della PAN.
Ho avuto la fortuna di ereditare un gruppo di persone eccezionali, una squadra, un insieme di competenze, di capacità tecniche e umane fuori dal comune.
Quest'anno celebreremo cinquanta anni di storia, cinquanta anni di tradizione, è un risultato che io credo sia stato reso possibile dalla profonda convinzione che ogni incarico, ogni sfida ci sprona a raggiungere un obiettivo, ma la soddisfazione per il risultato ottenuto non può non essere accompagnata dalla coscienza che altrettanto importante sarà la capacità di tramandarne l'efficacia.
Le celebrazioni per i 50 anni saranno un'occasione per ripercorrere la storia del Gruppo ed i momenti salienti della nostra meravigliosa avventura.
Sarà anche l'occasione per vedere schierato, assieme altri velivoli storici, il Vampire atterrato presso l'aeroporto di Rivolto nel 1990.
Alcuni specialisti del Gruppo assieme alla SG Fly Evolution di Gianfranco Sardeo sono al lavoro per riportarlo in condizioni di essere esposto degnamente accanto ai sui successori.
La stagione 2010 delle Frecce Tricolori ci porterà in tutte le zone d'Italia ed in quattro nazioni europee, in un crescendo di eventi che vedranno il culmine l'11 e 12 settembre con la manifestazione a Rivolto per il nostro anniversario. Saranno due giorni di volo aperti al pubblico con la partecipazione di più di dieci Pattugli Acrobatiche e ti tutti gli assetti in dotazione alla Forza Armata.
Concludo confermando la stima nell'operato del Circolo della PAN, negli anni esso ha saputo custodire lo “spirito di appartenenza” ad un Gruppo così particolare, confermando che pur lasciando le Frecce Tricolori in termini di lavoro attivo, il “senso di appartenenza” al Reparto rimane immutato negli anni.
È mio intendimento, quale Comandante, rafforzare ed essere vicino alle iniziative del Circolo della P.A.N. per far sì che esso possa continuare ad essere custode della memoria delle tradizioni del Gruppo.

Le Frecce tricolori compiono 50 anni

Oggi ci sarà il cambio di comandante

di Giuseppe Cordioli
Messaggero Veneto — 11 febbraio 2010
RIVOLTO. Sarà una giornata particolare, quella odierna, alla base di Rivolto dove è previsto il cambio di comando al 313° Gruppo addestramento acrobatico. Il passaggio delle consegne tra il tenente colonnello Massimo Tammaro e il suo pari grado Marco Lant si svolgerà davanti al generale di squadra aerea Giuseppe Bernardis, che tra due settimane sarà il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica militare. Per uno strano gioco del destino due piloti friulani si troveranno al vertice. Uno dell’Aeronautica (Bernardis ex comandante della Pan è infatti nato a Porcia), mentre Lant che è originario di Bertiolo, seppur nato a Udine, guiderà le Frecce tricolori nell’anno in cui il prestigioso reparto festeggia i 50 anni di attività. Il comandante
uscente ancora non conosce quale sarà la destinazione che lo attende, ma questo non gli impedisce di tracciare una sorta di bilancio della sua esperienza vissuta a Rivolto.
«Sono in Friuli da oltre 11 anni, e da tre sono il comandante delle Frecce tricolori, un reparto davvero speciale - afferma il tenente colonnello Massimo Tammaro -. È ovvio che in questo frangente sia triste, dopo una simile esperienza umana e professionale. Ma ci tengo a sottolineare che al tempo stesso sono sereno e tranquillo perchè lascio il reparto in buone mani, un ambiente di lavoro ottimale con un team ben affiatato, a partire dai piloti ma coinvolgendo tutto il personale. Si tratta di una fantastica compagine composta da grandi profesionisti, ma ancor prima di uomini fantastici, sempre pronti a rappresentare in Italia e nel mondo gli ideali, le capacità e la professionalità dell’Aeronautica militare».
Tammaro non può dimenticare la difficile situazione vissuta in prima persona in Libia, quando a Tripoli i piloti delle Frecce tricolori furono protagonisti di un “braccio di ferro” con le autorità militari del governo del colonnello Gheddafi che li volevano costringere a esibirsi senza i fumi tricolori. In tale circostanza il comandante delle Frecce si trovò a gestire momenti davvero difficili, in costante contatto con il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ma alla fine l’esibizione si concluse con l’enorme tricolore tracciato con i fumi dagli Aermacchi Mb 339. «Un’altro aspetto di questa mia esperienza che si conclude oggi, ma che mi vedrà legato al Friuli per sempre, è legato all’enorme visibilità raggiunta dal reparto in questi anni - conclude
Tammaro -. Non era immaginabile qualche anno fa quanto invece è accaduto. Tanto per fare un esempio c’è l’accordo con la Regione Friuli Venezia Giulia per quanto riguarda l’immagine turistica. Anche alla prossima Borsa del turismo in programma la prossima settimana a Milano ci sarà esposto un nostro velivolo e ci saranno i nostri piloti come testimonial. Insomma un bellissimo biglietto da visita anche in vista della grande manifestazione aerea che si svolgerà in settembre a Rivolto per celebrare il mezzo secolo di attività della Pan». Stamane il programma prevede l’inizio alle 10 quando, come tradizione, la cerimonia a terra sarà preceduta dal passaggio di consegne in volo. I due piloti assieme al resto della formazione effettueranno una serie di evoluzioni fino ad arrivare al momento in cui Tammaro volerà via dalla formazione lasciandola al comando di Lant. Una volta atterrati i due si toglieranno la tuta di volo per indossare l’alta uniforme e procedere nel cerimoniale previsto per il cambio di comando.
Giuseppe Cordioli
Torna all'archivio »
Home - Chi siamo - Ten. Pil. Facchinelli - Attività - Calendario - Clubs - Archivio - Links - Contattaci
2010 © Club n°40 - Per le immagini dove indicato © P. A. N.
Graphics by Webdire