Archivio > 2010  

Celebrato il “cinquantesimo” delle “Frecce Tricolori”

Con una grande manifestazione aerea sull’aeroporto di Rivolto

di Ugo Merlo
da Aeronautica, Anno LV - n. 8-9 - agosto-settembre 2010, pp. 6-7
L’11 e il 12 settembre, a Rivolto, sede del 2° Stormo e del 313° A.A., è stato celebrato il 50° anniversario della costituzione delle “Frecce Tricolori” che ha avuto come eventi centrali una grande manifestazione aerea - alla quale hanno partecipato le più importanti pattuglie acrobatiche militari del mondo, da sempre vicine alla Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) – e una mostra statica che ha visto l’esposizione di una ventina tra velivoli storici, aerei militari delle nostre Forze Armate e aerei civili.

La manifestazione di Rivolto si è sviluppata in due giornate: l’11 come prova generale ed alla quale hanno assistito comunque migliaia di spettatori, ed il giorno successivo come evento ufficiale celebrativo del “compleanno” della PAN.
Evento, questo - nel cui ambito si è svolto anche il 10° Raduno dei piloti e degli specialisti delle Pattuglie acrobatiche italiane del passato – al quale hanno assisitito il ministro della Difesa Ignazio La Russa, il capo di Stato Maggiore della Difesa gen. Vincenzo Camporini, il capo di Stato Maggiore dell’AM gen. SA Giuseppe Bernardis con le più alte cariche della forza armata, altre alte autorità civili e militari e, provenienti da ogni parte d’Italia, isole maggiori comprese, circa 450.000 spettatori entusiasti e plaudenti tra i quali le nutrite rappresentanze di molte nostre sezioni AAA – alle quali è stata riservata una particolare e affettuosa accoglienza in un apposito spazio – gli appartenenti a numerosi “Club Frecce Tricolori e i rappresentanti dei mezzi d’informazione con circa 300 giornalisti italiani e stranieri.

Aperta al mattino dal sorvolo di un elicottero AB.212 con bandiera, la manifestazione ha poi visto l’esibizione di un MB.339 del Reparto Sperimentale Volo (RSV) seguita da quella della Pattuglia Iskry (“scintille bianche e rosse”) della Polonia su TS-11 Iskra.
Dopo il volo di un Tornado del RSV è stata quindi la volta del team della Croazia Krila Oluje (“ali della tempesta”) su Pilatus PC-7 al quale ha fatto seguito l’esibizione di un AMX del RSV, quella della pattuglia Royal Jordanian Falcon su Extra EA300 e dell’M-346, ultimo e modernissimo addestratore di Alenia Aermacchi.
E poi, via via, la Patrulla Aguila della Spagna su Casa C-101, la Patrouille Suisse su Northrop F-5E Tiger II, la sempre spettacolare esibizione di un bimotore C-27J Spartan del RSV, quella della pattuglia acrobatica francese su Alphajet (unica pattuglia con una donna come capo formazione) e di quella britannica delle Red Arrows su BAE Hawk T1A.
E stata quindi la volta di un EF-2000 del RSV e, infine, dopo un sorvolo di un AB.212 con bandiera mentre gli altoparlanti diffondevano le note dell’inno nazionale, la splendida, impeccabile esibizione dei dieci aviogetti delle festeggiatissime “Frecce Tricolori” che, oltre all’entusiasmo del pubblico, hanno suscitato profonda commozione e nostalgia nei tanti ex piloti acrobatici convenuti per il loro Raduno.
Presenti anche, come partecipanti non in volo, i piloti delle pattuglie acrobatiche “Black Eagles” della Corea del Sud, “Blue Impulse” del Giappone e “Silver Falcon” del Sud Africa.

Nell’ambito delle sue attività di utilità sociale l’Aeronautica Militare, in questa particolare occasione, ha messo a disposizione del pubblico oltre 100.000 gadget, alla vendita dei quali hanno collaborato i soci della sezione AAA di Campoformido ed il cui ricavato è stato devoluto all’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC).
La manifestazione aerea - perfettamente pianificata e organizzata anche con gli apprezzati apporti e collaborazioni della Regione Friuli Venezia Giulia, delle forze dell’ordine, della CRI, della Protezione civile, di altri enti vari civili, di aziende e di imprenditori – è stata trasmessa in diretta su RaiUno e su RaiSport all’interno del programma “Azzurro Tricolore”.
Da sottolineare, infine, che, dopo i francobolli da 45 e 60 centesimi dedicati alla Pattuglia nel 2005 in occasione del
suo 45° anniversario, le Poste italiane hanno emesso un nuovo francobollo da 60 centesimi per celebrarne il “Cinquantesimo” e che a Rivolto è stato distribuito a tutti gli appassionati un numero speciale di “Airplanes – The Italian Aviation Magazine”.

È da ricordare che “il Cinquantenario” era stato ufficialmente presentato alla stampa il 2 settembre alla Casa dell’Aviatore alla presenza del capo di Stato Maggiore dell’AM, del comandante della PAN, ten. col. Marco Lant, del presidente del Comitato AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) del Friuli Venezia Giulia, Sergio Gelmi Di Caporiacco, del vice presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Luca Ciriani e di responsabili della RAI-TV.
In tale occasione era stato anche presentato il Volume ‘Frecce Tricolori - Un volo lungo cinquant’anni’, edito dalla De Agostini in collaborazione con la Aviator Edizioni e con il coordinamento della Rivista Aeronautica, e proiettata un’anteprima del filmato inedito sulle Frecce Tricolori, realizzato dal Centro Produzione Audiovisivi - ‘Troupe Azzurra’ del 5° Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica, le cui immagini, girate in alta definizione sia a terra che in volo, saranno disponibili entro settembre in un cofanetto contenente entrambe le versioni (Blu-Ray e DVD). Tale prodotto, oltre al filmato principale, conterrà anche nove videoclip descrittive delle varie attività della PAN.
Alla Casa dell’Aviatore era stata anche illustrata l’opera a fascicoli realizzata in collaborazione con la RCS sulla storia dell’Aeronautica Militare che comprenderà per ognuno, oltre ad un inserto illustrato dedicato ai velivoli e alle imprese belliche e civili della Forza Armata, una scheda con l’approfondimento tecnico ed un modellino del velivolo a cui si riferisce che, in occasione della prima uscita, è dedicata all’ MB.339 PAN.
Infine, era stato distribuito il fascicolo n. 4/2010 della Rivista Aeronautica, per metà dedicato al 50° anniversario della PAN.
Ricordiamo che, in Italia, l’acrobazia aerea nacque su iniziativa del colonnello Rino Corso Fougier che nel 1930, a Campoformido, costituì la prima pattuglia acrobatica, la “Pattuglia Folle” montata su Fiat CR.20 che, sin dal suo esordio, fece subito storia. Dopo anni di prestigiosi successi in Europa, in particolare con le manifestazioni aeree di Budapest e di Berlino, e in Sud America, la Seconda Guerra Mondiale chiuse per un decennio l’attività acrobatica che riprese nel 1952 con la pattuglia del “Cavallino Rampante”, costituita con quattro velivoli DH.100 Vampire del 4° Stormo di stanza a Capodichino.
In quegli anni, la disponibilità di velivoli in carico alle Aerobrigate permise la costituzione di una pattuglia acrobatica l’anno e di una in addestramento per l’anno successivo. Nell’arco di nove anni si succedettero le pattuglie dei “Getti Tonanti” della 5ª Aerobrigata su F-84G Thunderjet (1953-55), delle “Tigri Bianche” della 51ª Aerobrigata su F-84G Thunderjet (1955-56), ancora del “Cavallino Rampante” su F-86E Sabre (1956-57), dei “Diavoli Rossi” della 6ª Aerobrigata su F-84F Thunderstreak (1957-59), dei Lancieri Neri della 2ª Aerobrigata su F-86E Sabre (1958-59), nuovamente dei “Getti Tonanti” su F-84F Thunderstreak (1959- 60) fin quando, alla fine del 1960, lo Stato Maggiore dell’AM decise di costituire una pattuglia acrobatica nazionale permanente, le “Frecce Tricolori”, individuando nella pattuglia della 4ª Aerobrigata “Cavallino Rampante” il nucleo originario dal quale sarebbe nato il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico Pattuglia Acrobatica Nazionale “Frecce Tricolori” con sede a Rivolto. In quel lontano 1960 il “Cavallino Rampante” ricopriva il ruolo di pattuglia di riserva del team titolare dei “Getti Tonanti” della 5ª AB in base alla consuetudine di affidare a turno ai reparti da caccia dell’Aeronautica la responsabilità di preparare una rappresentativa acrobatica.
Da allora le “Frecce Tricolori” sono state equipaggiate prima con gli F-86E Sabre, poi con i FIAT G.91 PAN e attualmente con gli MB.339PAN.
Torna all'archivio »
Home - Chi siamo - Ten. Pil. Facchinelli - Attività - Calendario - Clubs - Archivio - Links - Contattaci
2010 © Club n°40 - Per le immagini dove indicato © P. A. N.
Graphics by Webdire