Archivio > 2009  
  1909-2009: 100 ANNI DI VOLO IN ITALIA
Selezione di foto dal sito di Alessandro Barteletti [ link ]

Nel 1903 i fratelli Wright dimostrano al mondo di poter mettere le ali all'uomo.
Nel 1909 portano la loro invenzione - il Flyer - sul campo di Centocelle nei pressi di Roma.
L'esibizione svela le potenzialità del nuovo mezzo aereo e getta le basi per il suo futuro utilizzo nel nostro paese.
E' l'inizio dell'aviazione in Italia. Cosa è cambiato dopo un secolo?
Dal trasporto alla pubblica utilità, dal volo a vela all'acrobazia aerea,
dalle missioni di recupero e salvataggio all'evoluzione tecnologica e al rapporto uomo-macchina,
dalle diverse figure di pilota alla difesa dello spazio aereo.
Un viaggio all'interno di questo mondo, a 100 anni dallo storico volo dei fratelli Wright in Italia.
© Alessandro Barteletti
 
 
 

Lo show delle Frecce Tricolori
È la pattuglia più numerosa, ammirata e… invidiata al mondo.
Il solista risale verticalmente mentre il gruppo si spacca in due ai suoi lati:
a sinistra i quattro aerei della seconda formazione e a destra i cinque della prima che volano a settecento chilometri orari e ad una distanza di circa due metri l'uno dall'altro.
La tradizione dell'acrobazia aerea di gruppo nasce in Italia negli anni Venti con la "Pattuglia Folle".
A raccoglierne l'eredità oggi sono le "Frecce Tricolori" il cui gruppo è stato fondato nel 1961.
Nel 2008 i piloti hanno ricevuto il premio di "Eccellenza Italiana" dal Presidente della Repubblica.

313° Gruppo Addestramento Acrobatico Frecce Tricolori. Rivolto (UD)

 
  Il caffé della mattina
Per diventare un "Pony" - come vengono chiamati in gergo i piloti della pattuglia - oltre che grandi abilità tecniche bisogna avere determinate attitudini e doti umane per instaurare un rapporto di stima e fiducia con tutti i gregari del gruppo.
«L’essenza del nostro reparto è il volo collettivo caratterizzato dalla presenza del pubblico. Quando ci confrontiamo con i piloti delle prime formazioni parliamo una lingua comune: rispetto ad altri gruppi qua si ferma il tempo.
Siamo un tramite per trasmettere sempre la stessa emozione e mantenere inalterata una tradizione».
Marco Lant - “Pony 1” - Leader formazione

313° Gruppo Addestramento Acrobatico Frecce Tricolori. Rivolto (UD)
 
  La cura dei “tre-tre-nove”
Il reparto delle Frecce Tricolori conta cento persone tra piloti, addetti e specialisti. La manutenzione gioca un ruolo fondamentale per permettere l'assoluta efficienza di ognuno dei dieci Aermacchi MB339, i velivoli che compongono la formazione.
«Anche noi in un certo senso facciamo parte dello spettacolo. Oltre a mantenere sempre in ordine di volo gli aeroplani, prima di ogni esibizione prendiamo parte alla cosiddetta “manfrina”, una verifica a terra sincronizzata nei movimenti che gli specialisti effettuano sui velivoli. A quel punto sentiamo che gli applausi del pubblico sono anche un po’ nostri...».
Stefano Pandolfo, capo hangar

313° Gruppo Addestramento Acrobatico Frecce Tricolori. Rivolto (UD)
 
  Pony “zero”: una guida da terra
Il normale iter all'interno della pattuglia prevede che un pilota resti nella formazione per cinque anni durante i quali la sua posizione cambia tra "gregario", "fanalino", "leader", "solista".
«Chi raggiunge il ruolo di leader della formazione - "Pony 1" - può diventare comandante. Denominato "Pony 0" si occupa a quel punto di coordinare e supervisionare da terra ogni passaggio e figura acrobatica comunicando via radio ai piloti le correzioni necessarie per rendere sempre perfetto il "tricolore" in cielo».
Massimo Tammaro - “Pony 0” - comandante

313° Gruppo Addestramento Acrobatico Frecce Tricolori. Rivolto (UD)
 
Torna all'archivio »
Home - Chi siamo - Ten. Pil. Facchinelli - Attività - Calendario - Clubs - Archivio - Links - Contattaci
2010 © Club n°40 - Per le immagini dove indicato © P. A. N.
Graphics by Webdire